1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

L'arte dei suoni - Viaggio musicale tra i versi di Ada Negri e le coeve intonazioni musicali

 
 
Programma di sala con breve presentazione degli artisti

Sabato 22 Febbraio alle ore 17.30 presso Santa Chiara Nuova "L'arte dei suoni - Viaggio musicale tra i versi di Ada Negri e le coeve intonazioni musicali".

Componenti ensemble:
Soprano Emanuela Moreschi, Violino Elisabetta Nicolosi, Violoncello Yalica Jo Gazàn, Pianoforte Mario Giuseppe Genesi, Voce recitante Fabiola Guglielmetti-Buscarini.

E’ stato spesso scritto e pubblicato acriticamente da parte di illustri lessici musicografici nazionali ed esteri che  a nessuna fra le poetesse femminili italiane  Ã¨ stato tributato lo stesso onore riservato ai colleghi poeti (s’intende: Leopardi, Carducci, la stessa produzione poetica manzoniana, ecc.).
Ma da una più accurata ricerca trapela, invece, che la Poetessa laudense Ada Negri-le cui spoglie mortali riposano all’interno del tempio di San Francesco in Lodi- è colei che, entro il panorama dei poeti, versificatori, rimatori e letterati d’arte nazionali, ha ricevuto in assoluto il maggior numero di intonazioni musicali, di trasposizioni pentagrammate e di attenzioni e  musicazioni da parte dei compositori di musica.

Se le prime versioni intonate delle sue liriche risalgono alla fine dell’ Ottocento, costeggiando via via  l’intero XX° secolo, ancora oggi, all’inizio del XXI° secolo vengono pubblicate a ritmo continuo nuove liriche per Canto & Pianoforte basate sui suoi versi.
Se a partire da oltre un secolo fa venivano predilette le rime amorose al fine delle trasposizioni musicali, oggi l’intera produzione della Negri non smette di destare tale ininterrotto interesse da parte dei compositori: si pensi al tema dell’impegno sociale, della tutela delle lavoratrici e delle lotte al fine dell’ottenimento dei diritti per le donne.

Alle intonazioni solistiche si vanno di recente anche aggiungendo quelle corali, elemento innovativo che prima non era presente. Lo spessore contenutistico, la proiezione interiore dei sentimenti evocati, l’armonico sviluppo del tema prescelto all’interno di ciascun componimento poetico continuano a suscitare ed a destare interesse sul versante delle intonazioni musicali. Trattasi di un repertorio molto particolareggiato, di un filone a tratti neppure allineabile o confrontabile a quello lirico “tout court”…, e di un repertorio ricercato e quasi del tutto sconosciuto-eppure degno di un sistematico recupero: ogni componimento poetico ha il potere di schiudere come da una nicchia secolare, sentimenti atavici, profondissimi, radicati alle terra d’origine lombarda della Poetessa. 

Il presente concerto intende riesplorare il repertorio delle intonazioni solistiche oramai ultra-secolare, riproponendo alcune delle più classiche ed eufoniche fra tali trasposizioni entro un contesto propriamente “cameristico”, salottiero, ed intimo al pari del significato di volta veicolato, suggerito ed evocato all’interno di ciascun componimento poetico.E questa piccola antologia di “Romanze da Camera” accomunate tutte dalla derivazione da versi di Ada Negri, include i celebri nomi di Respighi, di Tirindelli, di Zandonai, comprendendo anche altri brani di autori minori, ma non meno significativi.

Ingresso libero

 
 
 
 
 

<<Febbraio                                                                                                                  Prossimo concerto >>