1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Festival Da Donna a Donna: incontro con la stilista e architetto Gentucca Bini

 
logo donna

 
UN PALCOSCENICO PER LA CREATIVITÀ FEMMINILE
Scrittrici, giornaliste e interpreti del talento femminile
in primo piano a Lodi dal 18 al 27 settembre


GENTUCCA BINI, LA MODA TRA INNOVAZIONE E PROVOCAZIONE: NEL BORGO ANTICO DI TORRETTA UNA SFILATA TRA SALUMI E VINO ROSSO

Tra le protagoniste del Festival Da Donna a Donna non poteva mancare una stilista. Piazzetta Sommariva, a Torretta (frazione alle porte di Lodi che ha mantenuto un'identità e un'impronta da "borgo antico") è il luogo scelto per ospitare una sfilata dedicata ai modelli creati dalla giovane designer milanese Gentucca Bini, presentata dall'imprenditrice Claudia Buccellati, presidente del Quadrilatero della Moda di Milano. In un clima gioioso di festa popolare, con un'allegra orchestrina che passerà tra i tavoli imbanditi di salumi, gnocco fritto e caraffe di vino rosso, sotto le finestre drappeggiate dalle ultime "nonnine" rimaste nel vecchio borgo, la moda uscirà così dagli ambienti "formali" delle passerelle per scendere in piazza tra la gente. E in mezzo alle gente sfileranno le sette modelle nordiche, di bellezza statuaria, che Gentucca Bini ha scelto per interpretare le sue creazioni.
Milanese, architetto, nipote di quella Bruna Bini che negli anni Sessanta gestiva un celebre atelier in via Montenapoleone e collaborava con artisti come Baj, Fontana e Pomodoro, Gentucca Bini ha mosso i primi passi come designer creando cappelli e accessori per le più importanti case di moda: Ferrè, Chanel, Karl Lagerfeld, Bluemarine, Raffaella Curiel. Ha cominciato presto a far parlare di sé anche come creatrice di abiti, grazie ad un'intuizione innovativa: la riproduzione nella stessa taglia, colori e forme di un modello che nonna Bruna aveva creato con Fontana, riproposto in confezioni realizzate sotto vuoto spinto, che lasciavano agli acquirenti la libertà di indossarlo o di appenderlo alla parete come un'opera d'arte.
Una proposta davvero rivoluzionaria, che coniugava alta moda e arte espositiva, immediatamente recepita dai più importanti musei del mondo, come il Guggenheim di New York e Palazzo Grassi a Venezia, che misero in vendita l'abito nei propri shop. Dal 2003 Gentucca Bini è entrata con le sue collezioni nel calendario ufficiale della moda di Milano e contemporaneamente ha cominciato ad aprire i suoi punti vendita, prima a Saint Tropez e subito dopo a Milano.
Grazie alla geniale creatività di Gentucca Bini, che ha sapientemente voluto valorizzare gli aspetti più caratteristici dell'architettura rurale del borgo antico, Torretta per una sera farà quindi una singolare concorrenza alle più prestigiose sfilate di moda milanesi. In passerella donne bellissime che faranno risaltare abiti stupendi, accompagnate dalle musiche scelte dalla stessa stilista.
E tutt'intorno quella straordinaria aria di festa che finora ha accompagnato il Festival Da donna a donna.
Lodi, 22 settembre 2008
www.festivaldadonnaadonna.com
Ufficio Stampa - Echo arte e comunicazione
Alessandra Lonati 335 286856 / Francesca Monza 328 7452199 - ufficiostampa@echo.pv.it
Tel: 0382 301864 - Fax: 0382 533498 - www.echo.pv.it