1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Approvati i progetti di riqualificazione dell'isolato di via Fanfulla

Via libera ai progetti definitivi dei lavori di riqualificazione dell'isolato dell'antico corso San Domenico (via Fanfulla, via Battagio, via Santa Maria del Sole, via Callisto Piazza, via Solferino) e di via Marsala. L'approvazione deliberata nei giorni scorsi dalla giunta prelude all'elaborazione del progetto esecutivo, che verrà licenziato nelle prossime settimane contestualmente all'avvio delle procedure della gara d'appalto per l'assegnazione dell'incarico di realizzazione delle opere, in cantiere tra le fine della primavera e l'inizio dell'estate. I lavori comporteranno un investimento complessivo di 955.000 euro e saranno finanziati interamente con un contributo messo a disposizione da Linea Distribuzione Srl, la società (controllata dalla holding pubblica Linea Group) che gestisce l'erogazione di gas metano in città. In base al contratto di servizio, la concessionaria è infatti tenuta per il 2011 ed il 2012 ad effettuare investimenti in opere pubbliche per un importo minimo di 857.0000 euro per ognuno dei due anni; per l'annualità 2011, Comune e Linea Distribuzione hanno quindi concordato di concentrare l'investimento sulle opere di riqualificazione di alcuni assi stradali, per un importo effettivo di 955.000 euro, destinato per una quota di 130.000 euro alla sostituzione di canalizzazioni ed al rifacimento di allacciamenti della rete gas ed indagini sulle condotte dell'acqua potabile e della rete fognaria.
 
"In questo quadro - sottolinea il sindaco, Lorenzo Guerini - assume particolare importanza l'intervento sull'isolato di via Fanfulla, perché chiude un percorso avviato oltre 10 anni fa, finalizzato alla riqualificazione del nucleo storico del centro di Lodi, sviluppatosi appunto sull'asse di quello che anticamente era il corso San Domenico. Per raggiungere questo obiettivo venne costruito un apposito Accordo di Programma tra Regione, Provincia (di cui all'epoca ero presidente) e Comune, che prevedeva il recupero degli edifici monumentali di questa parte della città, a partire dagli ex conventi di San Cristoforo e San Domenico, che proprio l'amministrazione provinciale di allora decise di acquisire dal Demanio per strapparli al degrado a cui erano abbandonati da decenni e adibirli a sede dell'ente. A distanza di un decennio, possiamo dire che si è trattato di una scelta giusta e lungimirante, non solo per l'avvenuta riqualificazione di un patrimonio storico ed architettonico di grande importanza e prestigio, ma anche perché gli investimenti pubblici hanno favorito anche l'iniziativa degli operatori privati, valorizzando anche ai fini residenziali un contesto urbano che ha completamente cambiato volto e che a conclusione di una lunga stagione di cantieri necessita ora di una radicale sistemazione stradale".
 
Oltre agli ex conventi, nel contesto dell'Accordo di Programma si √® provveduto negli anni alla riqualificazione dell'ex chiesa dell'Angelo ed al recupero degli ex istituti educativi, mentre pi√Ļ recentemente si sono aggiunti la riqualificazione del Palazzo dei Filippini (sede della Biblioteca Laudense) ed il risanamento dell'ex Cavallerizza (destinata ad ospitare il Museo Civico). I lavori stradali in via Fanfulla, via Battagio, via Santa Maria del Sole, via Callisto Piazza e via Solferino (nel tratto tra via Callisto Piazza e via Fanfulla) consentiranno di conferire all'arredo urbano di quest'area un assetto omogeneo a quello del resto del centro storico, con marciapiedi in cubetti di porfido e alcuni tratti di pavimentazione stradale in granito (i tratti di via Fanfulla tra via Solferino e la Cavallerizza e tra l'ex chiesa di San Cristoforo e l'ingresso della Provincia, nonch√© quello di via Solferino tra via Fanfulla ed il nuovo ingresso della Biblioteca Laudense). L'intervento su via Marsala riguarder√† invece i tratti compresi tra la chiesa di Sant'Agnese e via XX Settembre e tra via XX Settembre e piazzale Zaninelli. Sia nel primo che (soprattutto) nel secondo tratto, oltre al rifacimento degli asfalti si proceder√† all'ampliamento dei marciapiedi, che in alcuni punti sono davvero particolarmente stretti (con ampiezze minime che passeranno da 46 centimetri ad almeno 90 centimetri). I progetti di questi lavori rappresentano uno stralcio in anticipazione del piano di interventi stradali per la primavera-estate 2012, in corso di elaborazione:
 
"Il programma dettagliato verrà presentato prossimamente - spiega l'assessore alle opere pubbliche, Enrico Brunetti - ma già ora è possibile fornire alcune indicazioni. A San Bernardo proseguirà la manutenzione di viale Italia, oltre che in via Marchesi e su alcuni tratti di strada Vecchia Cremonese. In città bassa prevediamo di intervenire nelle vie Lago d'Iseo, Lago Maggiore e Lago d'Orta. A San Fereolo i lavori riguarderanno via Tortini (compreso il parcheggio), la messa in quota dei dossi dissuasori di via San Fereolo, la rotatoria tra via Colombo e viale Europa, via Vanazzi ed i marciapiedi di via Sant'Angelo. A Porta Regale verranno sistemati i marciapiedi di via Lodi Vecchio, gli asfalti di via Sant'Alberto e via Gabiano, mentre al Pratello interverremo in via Bocconi, nel tratto fra via Cadamosto e la roggia. Tra il Pratello e Torretta verranno poi sistemate via Giovanni da Verrazzano, via Fé e via del Pulignano e a San Grato via della Tovaiera e la stessa via San Grato".
 
(23-03-2012)