1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Finanziamenti in arrivo e nuovi investimenti per la manutenzione straordinaria degli edifici scolastici

Nuovi finanziamenti in arrivo per la messa in sicurezza delle scuole. Il Comune di Lodi incassa quasi 160mila euro di contributi ministeriali. “Il Ministero dell’Interno, con il Decreto Crescita, ha destinato in quota variabile ai Comuni risorse da dedicare ad interventi di efficientamento energetico degli edifici pubblici - spiega l’assessore ai Lavori pubblici Claudia Rizzi -. Il Comune di Lodi ha ottenuto 130mila euro. Mantenendo la linea di indirizzo adottata fin dall’inizio del mandato che assegna la prioritĂ  di investimento agli adeguamenti necessari alle strutture scolastiche, abbiamo deciso di destinare questo contributo alla sostituzione dei serramenti della scuola primaria “De Amicis” a San Gualtero per garantirne il miglioramento della prestazione energetica”.Di pochi giorni fa è invece la pubblicazione del decreto che assegna al Comune di Lodi 27.600 euro come contributo per la progettazione di interventi di messa in sicurezza degli edifici scolastici: “Dall’inizio del nostro mandato - spiega Rizzi - questo è il primo bando pubblicato per il finanziamento al 50% delle progettazioni. Abbiamo candidato la progettazione sulla scuola “Don Gnocchi” che comprenderĂ  sia la verifica statica sia la prevenzione incendi. Sono intanto quasi ultimate le progettazioni per le scuole “Barzaghi” e “Santa Francesca Cabrini” con cui a settembre parteciperemo al bando del Miur che prevede il finanziamento al 100% degli interventi di messa in sicurezza e adeguamento antisismico degli edifici”.Rimane in lista di attesa il progetto del valore complessivo di 615mila euro dell’istituto “Pezzani”, candidato lo scorso settembre allo stesso bando del Miur. “Il progetto è inserito nell’elenco degli “ammissibili, ma non finanziati”. Al termine delle rendicontazioni dei soggetti beneficiari al Ministero, potrebbe quindi essere “ripescato”, in caso di disponibilitĂ  di ulteriori fondi”. 
La nuova pioggia di finanziamenti si somma al cospicuo contributo che il Comune di Lodi aveva ottenuto ad aprile scorso per gli istituti secondari “Cazzulani” e “Don Milani”, rispettivamente di 1milione 200mila euro per la messa in sicurezza e di 50mila euro per la prevenzione incendi. 
“I lavori alla “Don Milani” sono partiti in questi giorni con la sostituzione di porzioni della pavimentazione che non avevano le caratteristiche di tenuta al fuoco richieste - prosegue Rizzi -. L’ultimo step per l’ottenimento del Certificato di prevenzione incendi sarĂ  quello di migliorare il tempo di resistenza al fuoco dei solai con l’applicazione di vernici intumescenti. Per quest’ultimo intervento abbiamo impegnato 260mila euro dell’avanzo di bilancio, importo che copre anche lo stesso tipo di lavorazione alla primaria “Arcobaleno”. All’istituto “Cazzulani”, invece, i lavori saranno realizzati nella pausa estiva del prossimo anno scolastico”.Altri 340mila euro di avanzo libero saranno impiegati per le manutenzione straordinaria dei diversi gradi di scuola, dai nidi alla secondaria di primo grado, tra cui il piĂš significativo di 150mila euro per la sostituzione di una parte delle linee di distribuzione dell’impianto di riscaldamento della scuola  “Ponte”. 
“Stiamo portando avanti con costanza le progettazioni, che ci consentono di partecipare ai bandi di finanziamento, e con sempre maggiore impegno economico i lavori di manutenzione straordinaria degli edifici scolastici. Cerchiamo di raccogliere i desiderata dei dirigenti, cui si aggiungono di volta in volta le eventuali criticità rilevate dai nostri tecnici durante i sopralluoghi periodici, almeno 5/6 mesi prima del nostro bilancio, così da poter dare un ordine di priorità agli interventi e preventivarne per tempo l’importo da impegnare. Questo ci ha consentito di cominciare a ridurre gli interventi in urgenza, seppur ancora in modo parziale, data “l'anzianità” degli stabili e di alcuni impianti. L’obiettivo è arrivare a razionalizzare la spesa, attraverso una manutenzione programmata”.

Lodi, 27 luglio 2019