1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Intesa tra Comune, Caritas e l'associazione 'Progetto insieme' per il servizio di asilo notturno

Comune, Caritas Diocesana e Associazione 'Progetto Insieme' sottoscriveranno un protocollo d’intesa per la gestione degli spazi presso l’ex macello di via Vecchio Bersaglio adibiti all’accoglienza per il periodo invernale delle persone senza fissa dimora, in aggiunta a quelli (attivi tutti l’anno) del Dormitorio Pubblico di via Defendente.

Il protocollo (approvato oggi con delibera del Commissario Straordinario) è integrato da un accordo complementare che disciplina gli impegni economici che verranno assunti dai tre firmatari per coprire i costi degli interventi di riqualificazione della struttura (in particolare realizzazione nuovi servizi igienici e rimozione coperture in eternit), stimati in 47.000 euro. A tale proposito, l’accordo prevede che Caritas e Progetto Insieme mettano a disposizione risorse per un importo massimo di 32.000 euro rispetto al fabbisogno complessivo, fatta salva la possibilità che il progetto di riqualificazione ottenga un contributo da parte della Fondazione Comunitaria della Provincia di Lodi e della Fondazione Banca Popolare di Lodi; in questa eventualità, la parte del fabbisogno non coperta dai contributi delle Fondazioni verrebbe sostenuta per 2/3 da Caritas e Progetto Insieme e per 1/3 dal Comune.

A seguito dell’approvazione della delibera, i lavori di realizzazione dei nuovi servizi igienici (che sostituiranno i bagni chimici utilizzati sino ad ora) verranno avviati già nel corso del fine settimana, con l’obiettivo di concludere l’intervento e di aprire la struttura entro la fine di novembre. La rimozione delle coperture in eternit verrà invece effettuata in primavera, considerato che gli ultimi accertamenti sullo stato di conservazione del materiale (eseguiti nei giorni scorsi da impresa specializzata) non hanno rilevato condizioni di degrado che rendono possibile la dispersione di fibre di amianto e che imporrebbero pertanto l’immediata bonifica.

"L’accordo - spiega il Commissario Straordinario, Mariano Savastano - consente anche di inquadrare in un contesto normato la gestione degli spazi di accoglienza dei senza fissa dimora presso l’ex macello, stabilendo in 9 anni la durata dell’intesa ed individuando con precisione competenze e responsabilità del Comune, proprietario della struttura, e di Progetto Insieme, come gestore del servizio, con la partecipazione della Caritas alla definizione delle regole di funzionamento del servizio stesso".

In particolare, spetteranno al Comune le spese di riscaldamento, acqua, energia elettrica, assicurazione dell’immobile e manutenzioni straordinarie, mentre saranno a carico di Progetto Insieme le altre spese di gestione del servizio e di manutenzione ordinaria.

"La disponibilità degli spazi di accoglienza presso l’ex macello anche per l’inverno 2016-2017 era stata richiesta dal direttore della Caritas Diocesana, don Andrea Tenca, in occasione di un incontro lo scorso settembre - ricorda il Commissario - sulla base delle esigenze rilevate negli ultimi anni, che hanno visto aumentare il numero delle richieste di accesso al servizio, come conseguenza dell’aumento delle situazioni di grave difficoltà in cui versano molte persone. Confermando questa disponibilità, il Comune ha colto l’opportunità per promuovere la riqualificazione della struttura, rilanciando su nuove basi la consolidata collaborazione con Progetto Insieme e Caritas".

I posti per l’asilo notturno disponibili presso l’ex macello nel periodo novembre 2016-aprile 2017 saranno 14 e si aggiungeranno agli 11 posti presso il Dormitorio Pubblico di via Defendente.

(11-11-2016)