1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Festa del Patrono- San Bassiano

 
 
 

In occasione della Festa diSan Bassiano, Patrono di Lodi e del Lodigiano, martedì 19 gennaio 2016, il Comune rende noto il programma delle celebrazioni:

ore 09.00
Aarrivo autorità a Palazzo Broletto

ore 09.45
Formazione del corteo delle autorità sullo scalone di Palazzo Broletto, precedute dai figuranti in costume della Pro Loco e dai vigili in alta uniforme con i ceri votivi per l'omaggio al Vescovo; discesa nella cripta della Cattedrale.

ore 10.00
Dopo l'ingresso in cripta del Vescovo, apertura della cerimonia con il discorso del sindaco; segue intervento del Vescovo; al termine, i vigili consegnano al Vescovo i ceri, quindi il sindaco presenta al Vescovo le autorità.

ore 10.30
Celebrazione della Santa Messa Pontificale nella Cattedrale, presieduta da Sua Em.za Rev.ma Cardinale Leonardo Sandri, Prefetto della Congregazione delle Chiese Orientali.
Al termine del Pontificale la Proloco di Lodi offrirà, come da tradizione, la trippa sotto i portici del Broletto.
Nel pomeriggio distribuzione gratuita di vin brulè ad opera dell'Associazione Nazionale Alpini - Sezione di Lodi.

ore 17.30
Presso il Teatro alle Vigne si tiene la consegna delle Benemerenze civiche da parte del Sindaco di Lodi, Simone Uggetti, e della Giunta municipale: saluto del sindaco; a seguire proiezione del video "RACCONTAc'èLO" di Luca Servidati e Paolo Gennari; consegna del Fanfullino della Riconoscenza a cura della Familia Ludesana; momento musicale con il pianista Simone Anelli dell'Accademia Gaffurio (Franz Liszt: "Sonetto 104 del Petrarca"; Jhoannes Brahms: "Intermezzo op. 118 n° 2"); consegna delle benemerenze civiche; momento musicale di chiusura con il pianista Simone Anelli e la cantante Marta Brandolini dell'Accademia Gaffurio (Destint's Child: "Stand up for love"; John Lennon: "Imagine").

L'invito alla cittadinanza è alla partecipazione sentita, festante e numerosa. 

Lodi, 8 gennaio 2016

Benemerenze civiche

Medaglie d'Oro

Priscilla Atamo
Attraverso un percorso di crescita personale e relazionale che si è sviluppato con il fondamentale apporto delle esperienze maturate nell'ambito della comunità familiare, della formazione scolastica e della pratica sportiva, ha trasformato in sfide vincenti le impegnative prove a cui la vita l'ha chiamata, dimostrando come l'integrazione nel contesto sociale e la realizzazione della propria personalità siano conquiste che a nessuno sono precluse, se perseguite con il coraggio, l'entusiasmo e la voglia di vivere di cui Priscilla ha fornito una encomiabile dimostrazione, che invita tutta la nostra comunità a riconoscerne il valore e seguirne l'esempio.

Severino Berneri ed Egisto Taino (alla memoria)
Scomparsi, entrambi prematuramente, a distanza di un anno tra il 2014 ed il 2015, hanno condiviso una lunga esperienza di impegno a favore dei più deboli nell'ambito della cooperativa Famiglia Nuova, di cui sono stati rispettivamente direttore generale e presidente, promuovendo anche le prime esperienze sul territorio di raccolta di cibo a favore dei bisognosi, che si sono poi evolute nell'attuale Centro di Raccolta Solidale per il Diritto al Cibo. Dal contrasto alle dipendenze all'integrazione degli stranieri, fino al sostegno ai minori in difficoltà, sono stati attivi nella lotta contro ogni forma di emarginazione, animati da un profondo senso di giustizia sociale, espresso con generosità e passione nel lavoro quotidiano a sostegno di chiunque rischi di non avere rappresentanza nella nostra società.  

Paride Grioni
Da sempre attivo nell'ambito della cooperazione sociale, si è distinto per la capacità organizzativa che l'ha reso protagonista di molti e importanti eventi che hanno contribuito ad arricchire il panorama delle iniziative culturali in città; tra i numerosi contesti in cui mette a disposizione il suo generoso impegno volontario, si ricordano l'associazione "Villa Braila", la collaborazione con la Fondazione Santa Chiara in iniziative che favoriscono le relazioni tra gli ospiti della Casa di Riposo e la comunità cittadina, l'associazione Acti Laus che promuove sul territorio il turismo camperistico ed il ruolo nel consiglio provinciale di Anap, l'organizzazione dei pensionati aderente a Confartigianato.

Erminio Pezzini
Insieme al fratello Bruno, ha curato la realizzazione del volume "San Fereolo, l'album dei ricordi", promosso dal Museo Ettore Archinti, frutto di centinaia di colloqui con residenti della zona più popolosa della città, alla ricerca di fonti e testimonianze che hanno consentito di ricostruire l'identità di persone, luoghi ed eventi di decenni di vita del quartiere, raffigurati in immagini fotografiche custodite nelle case delle famiglie; un lavoro straordinario, motivato da un profondo ed inalterato rapporto con le radici e le tradizioni del proprio quartiere ed esempio della capacità di conservare e valorizzare tante storie di vita quotidiana, in una sintesi che diventa un elemento di ricordo collettivo destinato a durare nel tempo. Una passione per il proprio quartiere testimoniata anche da un quarantennale impegno come dirigente della società sportiva Edelweiss.

Mario Uggé
Con autentico spirito di servizio, vive da sempre la dimensione dell'impegno a favore del prossimo e della comunità locale con una capacità di sforzo generoso ancora più encomiabile alla luce della sobrietà con cui interpreta il suo ruolo, che in molti contesti assume anche funzioni di elevata responsabilità. Tra i soci fondatori nel 1981 del Movimento per la Vita Lodigiano, attivo nell'assistenza ai detenuti della casa circondariale con l'associazione Alovoc, referente per i rapporti con le istituzioni locali della Casa dell'Accoglienza "Don Savaré", è tra i principali animatori del tradizionale Premio alla Bontà, di cui presiede il Comitato promotore.

Bruna Weremeenco
Natali triestini e radici russe, lodigiana di adozione, dopo essersi diplomata presso l'Accademia di Belle Arti di Brera si è affermata a partire dagli anni '70 come una delle più apprezzate e versatili  protagoniste della scena artistica lodigiana, ottenendo meritati riconoscimenti nella pittura e nella ceramica, grazie ad uno stile in cui classicismo e apertura ai linguaggi della modernità sviluppano una singolare simbiosi, ispirata da delicate allegorie simboliche che mettono al centro della sua poetica il ciclo della vita, ben sintetizzata nella selezione di opere esposte nella mostra dedicata alla sua ricca produzione allestita nel 2013 all'ex chiesa dell'Angelo. Nel 2010 è stata insignita del premio "Una vita per l'arte", intitolato a Pietro Arvini, tra i promotori originali della "Oldrado da Ponte".

Attestati di Benemerenza

Amici del Festival Fotografia Etica
Con il loro impegno, fatto di volontariato e di disponibilità costante, permettono l'organizzazione di un evento che, giunto nel 2015 alla sesta edizione, è ormai un appuntamento irrinunciabile per Lodi, che trasforma e anima la città, proiettandone a livello nazionale un'immagine dinamica e culturalmente aperta. Oltre che della qualità della proposta, gli straordinari risultati di partecipazione (più di 9.000 visitatori paganti) sono il frutto del lavoro di questo nutrito gruppo, che nei giorni del Festival mobilita più di 250 volontari, che con entusiasmo e cordialità creano le condizioni per la riuscita di un'iniziativa che rappresenta un vanto di tutta Lodi. 

Associazione Il Melograno
Nata dall'intuizione di un gruppo di persone, espressione del mondo cattolico lodigiano, da tempo impegnate in attività di promozione di politiche a sostegno della famiglia, l'associazione ha sviluppato in particolare un importante lavoro sulla tematica dell'affido familiare, sia nell'assistenza in casi di particolare delicatezza che sul versante dell'informazione e della sensibilizzazione al tema, qualificandosi come una fondamentale risorsa per la città ed il territorio, integrata in una rete di servizi e di collaborazioni con il Consultorio Familiare della Diocesi, l'Azienda Sanitaria Locale ed il Consorzio Servizi alla Persona.

Ricercatori del Parco Tecnologico Padano
Con la loro competenza e la loro passione, rappresentano il "motore" del Centro Ricerche e Studi Agroalimentari attivato all'interno del Parco Tecnologico Padano, facendone una realtà all'avanguardia e di eccellenza a livello internazionale, con oltre 90 progetti di assoluto valore scientifico promossi nell'arco dell'ultimo decennio in campo agroalimentare, nel contesto di un network di collaborazioni che si estende a 40 Paesi e 500 istituzioni di ricerca, candidandosi a svolgere un ruolo centrale per garantire la competitività dell'Italia nei settori delle produzioni agrozootecniche, della bio-sicurezza, della salute e della salubrità degli alimenti.

Sorelle Operaie del Vangelo
Conosciute e apprezzate in modo particolare per la dedizione alle giovani in difficoltà in tutte le tappe dell'età evolutiva, per le ragazze madri e i loro bambini, per le donne portatrici di qualsiasi forma di emarginazione, proseguono con straordinaria devozione presso la Casa della Giovane di via Magenta l'opera avviata nel 1939 da Angela Clerici, con una attività instancabile che si estende anche al servizio alle comunità parrocchiali in Italia e in Albania, nei vari aspetti caritativo, liturgico, catechistico, sociale, distinguendosi per la carica di amore con cui assistono da sempre chiunque sia afflitto da una condizione di povertà.