1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Spazio RiCreativo, forte aumento di richieste per l'offerta di corsi

Prezzi contenuti e spendibilità sul mercato del lavoro per le lingue, la chiave del successo

Oltre le più rosee ed ottimistiche previsioni, lo Spazio RiCreativo di via Gorini, nei locali situati sopra la sede del Centro Donna, ha ricevuto quest'estate un numero ingente di richieste, oltre 30 sino ad oggi, da parte di Associazioni che intendono offrire al pubblico i propri corsi per la nuova stagione 2015-2016.

Il numero così alto di domande, mai registrato, è dovuto ad una serie di elementi che sono sotto la lente di riflessione del Comune, per un ri-orientamento delle politiche culturali e del tempo libero in città.

"Non ci aspettavamo questo trend, che ci sorprende e ci induce a ripensare il nostro approccio - commenta l'assessora alle pari opportunità Erika Bressani - investendo maggiori energie in una modalità di offerta ai lodigiani che evidentemente sta cambiando e che implica un 'consumo culturale' di genere meno tradizionale e più legato invece alle istanze del momento storico che viviamo. Basti pensare a quanti offrono corsi di lingue straniere, che vengono frequentati da persone appartenenti a ceti sociali assai diversi e che spesso sono esauriti dopo pochi giorni dall'apertura delle iscrizioni. Oppure a fenomeni quali il corso di filatura a mano, ricercatissimo, e lo yoga che sebbene non sia più una novità assoluta per la città vede aumentare costantemente gli iscritti".  

L'offerta ad un canone contenuto degli spazi comunali, che costano al massimo 7 euro l'ora alle associazioni richiedenti,  Ã¨ certamente un dato importante per comprendere l'evoluzione in ascesa dello Spazio di via Gorini, poiché garantisce la possibilità di proporre ai partecipanti costi molto competitivi: si parte dal gratuito e si arriva di un massimo di 10 euro l'ora, per esplicita indicazione del Comune. Facendo un calcolo indicativo, è possibile frequentare un corso di lingue qualificato, che prepara ad eventuali certificazioni oggi molto richieste sul mercato del lavoro, a 200 euro per tutta la stagione invernale, formula che si è già rivelata vincente nella scorsa tornata, dove si sono registrati oltre 400 partecipanti. In previsione per la nuova stagione oltre ai consueti di lingue, lo yoga, l'autodifesa, il teatro-danza, il 'dimagrando ballando', il riciclo creativo, l'acquerello ed alcune novità: sarà proposto un corso di primo intervento per mamme, di lingua cinese, uno di arte esclusivamente per bambini e uno di informatica di base, per i quali le richieste stanno già superando il numero massimo previsto.

Presentazione della stagione il 13 settembre, con dimostrazioni aperte a tutti, dalle 10.00 alle 18.00 "In un momento di ancor perdurante difficoltà economica e sociale - conclude Erika Bressani - credo che offrire agli insegnanti spazi per poter esercitare e ai cittadini corsi validi in cui apprendere contenuti spendibili ad un costo assai contenuto sia una scelta fondamentale, anche per mantenere una più solida coesione sociale".

Lodi, 11 agosto 2015