1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Pass disabili, il Consiglio approva il regolamento del rilascio

La gratuità della sosta negli spazi a striscia blu (dalla terza ora e nel caso in cui i posti riservati siano tutti occupati) e la possibilità di ottenere un permesso annuale a pagamento per la sosta nelle "aree omogenee" (alla tariffa di 102 euro, contro i 144 euro della tariffa ordinaria per i residenti) sono le due principali novità per i veicoli adibiti al trasporto di disabili introdotte con il "Regolamento Comunale per il rilascio del contrassegno di parcheggio per disabili", approvato dal consiglio comunale nella seduta di lunedì 9 marzo con 22 voti favorevoli, 3 contrari e 5 astensioni.

Il regolamento (che entrerà in vigore trascorsi 11 giorni dalla data di pubblicazione del provvedimento, prevista per giovedì 12 marzo), disciplina le modalità di richiesta e rilascio del "pass disabili", secondo quanto disposto dal Codice della Strada, introducendo il modello di pass "europeo" recepito nell'ordinamento italiano per effetto di un Decreto Presidente della Repubblica del luglio 2012. A tale proposito, il Comune di Lodi ha già avviato il rilascio del pass di formato europeo, nel caso di rinnovo di autorizzazioni nel frattempo scadute, tanto che ad oggi su un totale di 992 pass in corso di validità, 321 rispondono a questi requisiti; in base a quanto stabilito dal citato Dpr, dal 15 settembre di quest'anno tutti i pass in circolazione dovranno essere sostituiti con il nuovo formato europeo, indipendentemente dalla data di scadenza. Il possesso del pass consente anche l'ingresso nella Zona a Traffico Limitato, previa comunicazione al Comando di Polizia Locale per l'iscrizione nell'elenco dei veicoli autorizzati.

Rispetto al testo presentato in aula dall'assessore alla mobilità Tommaso Premoli, la versione del regolamento approvata in via definitiva dal consiglio presenta alcune modifiche, per effetto di 3 emendamenti: il primo, proposto dalla giunta e approvato con 26 voti favorevoli e 3 contrari, relativo alle modalità di rilascio ai disabili del contrassegno annuale per la sosta nelle aree a pagamento dei 3 "settori omogenei" a corona del centro storico della città; il secondo, su proposta di Forza Italia e approvato all'unanimità, per l'eliminazione dall'articolo 1 della parte di testo relativa ai comportamenti comunque non consentiti per i veicoli dotati di pass disabili; il terzo, proposto da Primavera Lodigiana e approvato all'unanimità, finalizzato a consentire la presentazione della domanda di rilascio del pass anche da parte di una terza persona delegata dal disabile interessato, nonché a consentire l'inoltro dell'istanza tramite posta elettronica certificata.

Un quarto emendamento, proposto dalla giunta e approvato all'unanimità, ha modificato il dispositivo della delibera sul regolamento, ponendo rimedio ad un mero errore formale (errata indicazione di un articolo). Parere favorevole dell'aula anche a due ordini del giorno presentati dal gruppo "Nel solco di Guerini" (rispettivamente con 27 sì e 3 astensioni e 28 sì e 2 astensioni), con i quali si impegna la giunta ad istituire apposite aree di sosta riservate ai veicoli di famiglie con bambini fino a 24 mesi di età o di donne in stato di gravidanza, aggiuntive rispetto a quelle riservate ai disabili, ed a prevedere adeguati stanziamenti per interventi di abbattimento di barriere architettoniche. Sono stati invece respinti un ulteriore emendamento di Forza Italia (gratuità totale della sosta dei veicoli con pass disabili nelle aree a striscia blu: 17 contrari, 11 favorevoli, 2 astenuti) ed un emendamento di Sel (sosta gratuita nelle prime due ore e pagamento dalla terza ora: 19 contrari, 2 favorevoli e 9 astenuti).

I posti auto riservati ai disabili presenti in città sono complessivamente 111, rispetto a 1.958 posti a striscia blu, per un rapporto di 1 posto per disabili ogni 17,64 posti a pagamento, rispetto al minimo richiesto dalla legge di 1 posto per disabili ogni 50 a pagamento. La facoltà ai Comuni di prevedere un numero di posti per i disabili superiore al minimo di 1 ogni 50 a pagamento è stata introdotta con il citato Dpr del 2012, insieme alla facoltà di consentire ai veicoli con pass disabili l'uso gratuito delle aree di sosta a pagamento nel caso in cui i posti a loro riservati siano tutti occupati.

(10-03-2015)
 

foto della conferenza stampa