1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Via libera al nuovo Asilo Giardino

Inizieranno entro l'anno i lavori di realizzazione della nuova sede della scuola dell'infanzia Giardino, un'operazione da 1,5 milioni di euro che rappresenta il principale intervento di edilizia scolastica promosso in città da molti anni a questa parte.
In occasione della seduta di giovedì 26 maggio, il consiglio comunale ha infatti approvato (con 20 voti favorevoli e 9 astensioni) il rilascio del permesso di costruire in deroga per ampliamento volumetrico, provvedimento che darà modo all'amministrazione di predisporre la progettazione esecutiva dell'intervento e di procedere a bandire la gara d'appalto per l'assegnazione dell'incarico di realizzazione dei lavori.

"Il permesso in deroga - ha spiegato in aula l'assessore alle opere pubbliche, Enrico Brunetti - è finalizzato a consentire le opere di restauro, ristrutturazione e ampliamento di una parte consistente di un edificio di proprietà comunale, posto in via Paolo Gorini, da destinare a nuova sede della scuola dell'infanzia Giardino. L'ampliamento consiste nella realizzazione di un nuovo volume esterno all'edificio esistente, da adibire principalmente alle attività di socializzazione e alle attività libere di gruppo della scuola materna.
La futura realizzazione di questo nuovo volume (sulla base di un progetto elaborato dalla struttura tecnica del Comune in collaborazione con lo studio aMDL dell'architetto Michele de Lucchi di Milano) comporterà l'incremento della densità urbanistica del lotto in cui è inserito l'edificio oggetto dell'intervento., che si configura quindi come intervento in deroga all'attuale inquadramento urbanistico dell'area in questione, motivando il provvedimento portato all'attenzione del Consiglio. A questo proposito, si segnala che le normative in materia indicano come massimo valore di riferimento ammissibile per deroghe di questo tipo un indice di densità urbanistica pari a 5 metri cubi per metro quadrato. L'intervento programmato dall'amministrazione comunale si attesta su valori di questo indicatore sensibilmente inferiori al massimo consentito, pari a 0,2 metri cubi per metro quadrato. La richiesta è dunque pienamente conforme a quanto disposto dall'art. 40 della Legge Regionale n. 12/2005, integrato e modificato con la legge regionale 12 del 2006, che al secondo comma prevede proprio la possibilità dell'esercizio della deroga per impianti ed edifici pubblici o di interesse pubblico, previa deliberazione del Consiglio Comunale, ed è inoltre coerente a quanto previsto dall'art. 7 del D.M. 1444 del 1968".

La necessità di adottare questo provvedimento di natura tecnica ha quindi costituito un'occasione propizia per presentare al Consiglio il progetto di realizzazione della nuova sede della scuola materna Giardino.
"Si tratta di una delle priorità di mandato per l'amministrazione comunale - ha ricordato l'asessore Brunetti - espressamente indicata nel programma del quinquennio e chiaramente condivisa dalla cittadinanza, stante la necessità oggettiva di ricollocare questa scuola rispetto all'attuale sede, che si trova presso un edificio prefabbricato realizzato negli anni '60, non più rispondente ad adeguati standard di confort e sicurezza, posto in via Carducci angolo via Delle Orfane. La proposta progettuale è frutto di un lavoro sviluppato
in sinergia tra l'amministrazione, le strutture tecniche comunali, la Direzione Didattica competente, gli insegnanti, gli operatori scolastici e le famiglie. Il lavoro di confronto e di progettazione è stato impegnativo per tutti i soggetti interessati, sia in termini di impiego di risorse economiche ed organizzative che di tempo a ciò dedicato; con il provvedimento di questa sera concludiamo questa importante fase di preparazione ed avviamo di fatto le procedure che permetteranno di bandire la gara per l'assegnazione dell'incarico di esecuzione dei lavori".

Il quadro finanziario dell'intervento ammonta a 1.500.000 euro, di cui poco più di un milione per opere edili, sistemazione parti esterne (tra cui il giardino), impianti ed oneri per la sicurezza, mentre la restante somma di circa 482.000 euro è imputata a spese di progettazione interna e specialistica, lavori complementari di consolidamento statico delle strutture esistenti e quota Iva. Il progetto tiene puntualmente conto del rispetto di tutti gli standard previsti dal DM. 18 dicembre 1975 per la realizzazione di scuole materne, sia in riferimento agli spazi delle attività ordinate, che a quelli per le attività libere, le attività pratiche, la mensa e i locali di assistenza.

"Nel merito dell'intervento - ha sottolineato l'assessore Brunetti - si può rilevare come mediante la ristrutturazione e il restauro di una porzione dell'immobile di proprietà comunale ubicato in via Paolo Gorini si procederà al recupero di una parte significativa delle superfici al piano terreno, dove troveranno spazio due aule didattiche, la mensa, la cucina, uno spazio per le insegnanti ed i servizi igienici. La realizzazione di un volume esterno , collegato alla porzione di edificio adibita alle attività didattiche, consentirà di disporre di spazi aggiuntivi per le attività libere e di socializzazione. Il complesso sarà inoltre dotato di un giardino della superficie totale di circa 955 metri quadrati. Nel tessuto urbanistico del centro storico della città verrà così inserita una nuova e moderna scuola dell'infanzia, con un ampio giardino ed accessi in totale sicurezza, rispetto all'attuale configurazione che vede la scuola affacciarsi su due prospetti stradali (via Carducci e via Delle Orfane)".

In conclusione, alcuni dati tecnici che possono giovare all'illustrazione dell'intervento che sarà realizzato. La nuova scuola sorgerà su un insediamento di superficie complessiva pari a 1.559 metri quadrati, contro gli attuali 1.023 (per un aumento superiore al 50%) ed avrà una superficie coperta destinata ai servizi e alla didattica di 604 metri quadrati, contro i 321 odierni (più 88%), nonché una superficie a giardino di 955 metri quadrati, contro gli attuali 702 (con un aumento dunque del 36%).
 

confronto superficie totale
confronto superficie interna
confronto superficie giardino
 
rendering dell'internorendering dell'esterno