1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Emergenza profughi, Guerini: si rispettino accordi Stato-Enti locali

"Ci vuole da subito meno confusione nell'assegnazione dei profughi del Nord Africa ai singoli Comuni. Non ci si allontani dagli accordi Stato-Enti Locali di inizio aprile, altrimenti quando aumenteranno i profughi sul territorio, il sistema di accoglienza e solidarietà che anche la Lombardia è pronta a mettere in campo andrà in tilt".

L'allarme lo lancia Lorenzo Guerini, Sindaco di Lodi e delegato ANCI alla Conferenza Unificata.
 
"I primi arrivi in Lombardia non sono stati distribuiti equamente sul territorio e questo in futuro può incrinare il fronte comune tra gli enti locali, che non prevede sperequazioni. L'accordo prevede la consultazione degli Enti locali e un ruolo centrale per la Protezione civile nella dislocazione degli arrivi su scala provinciale, a seconda delle possibilità dei territori".

"Oltre a questo - aggiunge Guerini - c'√® il problema tutt'altro che secondario delle risorse per garantire una permanenza dei profughi certamente pi√Ļ duratura rispetto a quella degli immigrati clandestini: questa permanenza necessita di programmi di accoglienza e integrazione seri, con il coinvolgimento delle associazioni del territorio e attraverso la riattivazione degli Sprar (sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) come richiesto dai Comuni. Non si pu√≤ pensare di risolvere il problema pagando l'albergo ai profughi per dieci giorni, e poi lasciandoli in carico ai Comuni, senza che si assegnino loro risorse adeguate".

A questo proposito ANCI Lombardia ha spedito una lettera alla Regione, con la richiesta di attivare una cabina di regia per la risoluzione dei problemi logistici legati all'emergenza profughi.