1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Riqualificazione Giardini Barbarossa. Il Sindaco: “Duemila piantumazioni, grazie al Piano Esselunga”

“Quasi 2000 piantine arricchiranno le aiuole dei Giardini Barbarossa. Un’operazione straordinaria di manutenzione che il Comune promuove nell’ambito delle compensazioni ambientali previste dal piano cosiddetto “Esselunga”. L’operatore privato garantirà infatti la fornitura delle nuove essenze, mentre le altre iniziative manutentive saranno a carico del Comune. E’ questo il primo atto di uno dei più importanti interventi urbanistici che Lodi abbia conosciuto: un’intera zona della città, quella circostante all’ex Consorzio Agrario, verrà completamente trasformata, con significativi benefici anche ambientali, grazie alla riduzione dell’impatto del traffico e quindi dello smog, alle nuove piantumazioni che comprendono anche la posa di 560 alberi e la bonifica del valore di un milione di euro dell’ex comparto industriale”, così il Sindaco Sara Casanova annuncia l’avvio delle opere a verde che interesseranno i giardini di viale IV Novembre per alcune settimane.

Il valore complessivo della riqualificazione ammonta a 26.200 euro. I lavori, affidati dal Comune al Vivaio Dordoni di Spino d’Adda, sono finalizzati al rifacimento di alcune aiuole, con pulizia, rinnovo del sottofondo e successiva posa, a partire dalla fine della prossima settimana, degli arbusti, in sostituzione di quelli non attecchiti o danneggiati. Si procederà inoltre al ripristino di alcuni tratti dell’impianto di irrigazione.

“Per il secondo anno consecutivo i Giardini Barbarossa sono interessati da una manutenzione significativa per garantire un adeguato livello decoro degli spazi, migliorarne la vivibilità e l’attrattività - prosegue l’assessore all’Ambiente Alberto Tarchini -. Nel corso del tempo diverse porzioni hanno evidenziato segni di ammaloramento, pertanto con questo intervento puntiamo a ripristinare i caratteri originari dell’area verde, con la posa di tre varietà di piantine che con le loro peculiari fioriture contribuiranno a preservare il valore paesaggistico”. 
Lodi, 16 gennaio 2022