1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Chiavica sulla Roggia Molina: aggiudicati i lavori per la realizzazione dell’opera che completerà il piano di difesa dalle piena dell’Adda in sponda destra


Sono stati aggiudicati all’impresa Infratech Consorzio stabile S.C.A.R.L. di Milano i lavori per il completamento delle opere di difesa della città in sponda destra per contenere le piene dell’Adda.
Il quadro economico complessivo dell’intervento ammonta a 1.615.000 euro, finanziati nel 2019 con risorse messe a disposizione dal Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe) destinate a interventi per il contrasto del dissesto idrogeologico. 
L’avvio dei lavori è previsto entro l’autunno 2020 e la conclusione avverrà nel corso del 2021.
Il progetto definitivo-esecutivo, affidato allo Studio Hydra S.r.l. di Assago (MI) e approvato con Delibera di Giunta comunale n.8 del 3.02.2020, definisce le opere di difesa necessarie a chiudere tutti i “varchi” esistenti nel rilevato stradale della Tangenziale Est di Lodi, costituiti da due  fornici stradali e da cinque attraversamenti di corsi d’acqua, in modo da impedire che, in occasione dei massimi eventi di piena, si verifichi il rigurgito delle acque del fiume Adda attraverso tali varchi, provocando l’allagamento delle zone poste a monte, e a consentire lo scarico meccanico con impianto di sollevamento in zona esondabile delle acque provenienti dai reticoli idrografici di monte facenti capo alle rogge Molina e Sandona. Un sistema molto simile a quello già eseguito recentemente per il Cavo Roggione, a monte del Ponte, lungo la sponda destra del fiume.

Entrando nel dettaglio le opere previste sono le seguenti:
• una chiavica sulla Roggia Molina, in aderenza al lato Ovest del rilevato della Tangenziale Est, che sarà costituito da una paratoia di chiusura e da un impianto idrovoro, in grado di sollevare e convogliare in pressione, a valle della paratoia, le acque provenienti da monte;
• le opere di predisposizione all’installazione di panconature modulari, in corrispondenza dei due esistenti fornici di sottopasso stradale della Tangenziale Est, che dovranno essere montate in occasione degli allarmi di piena imminente dalle squadre di Protezione civile;
• cinque paratoie di chiusura dei tre rami vallivi della roggia Sandona e di due canali colatori;
• la rifunzionalizzazione dell’esistente paratoia in corrispondenza dell’imbocco del canale di collegamento tra il ramo della roggia Sandona e la roggia Molinetta.

“Ad oggi il fiume Adda ha raggiunto un apprezzabile livello di sicurezza, grazie alle intese sviluppate dal Comune di Lodi con le diverse istituzioni del territorio che, nel corso degli anni, ciascuna per la propria competenza, hanno contribuito a realizzare questo obbiettivo. Sono poche le opere che ancora mancano al completamento del piano di difesa della città, una di queste è la chiavica sulla Roggia Molina e gli interventi ad essa complementari. Il progetto definitivo risale al 2009 e fin dall’insediamento, gli sforzi di questa Amministrazione si sono concentrati sull’aggiornamento alla fase esecutiva per poter successivamente dare il via ai lavori, resi possibili grazie all’importante contributo assicurato dal Governo nel 2019. Siamo soddisfatti del risultato ottenuto e guardiamo già alla prossima sfida, cioè la costruzione dell’arginatura in sponda sinistra, a valle dell’Isolotto Achilli, per cui l’Agenzia interregionale fiume Po e Regione Lombardia ci hanno già assicurato disponibilità, dopo un proficuo lavoro di confronto e condivisione delle prospettive sugli scenari di sicurezza del nostro fiume”, così il Sindaco Sara Casanova.

Lodi, 30 luglio 2020